Sportello SUAPR - Come migliorare in pochi passi il Settore in crescita dei DRONI.

March 23, 2019

 

Al Roma Drone Conference mi hanno chiesto quali siano le ricette per potere fare crescere il settore Sapr.

La Formazione e Safety in primis.

 

Ma, uno dei modi piu' semplici è quello di agire sui tempi di rilascio delle autorizzazioni di volo.


Troppo e inutile tempo perso nelle autorizzazioni per chi è titolato a volare con Droni .


Anni di formazione e poi ore di pratica, ma dopo, ancora attesa per essere autorizzati in molte aree Atz da Enac ed Enav. Trafile di telefonate e poco personale per poterle gestire. 
 

A questo si potrebbe trovare immediata soluzione.


Come fare ?
 

Serve un atto di coraggio immediato da parte degli enti.
Non possiamo rincorrere la mancanza di norme o quelle in attuazione sul controllo elettronico dei voli.

Occorre lavorare, e subito,  prima che il settore continui a contrarre debiti per formazione , mezzi e strutture senza poterli impiegare.
 

Il lavoro c’è ma i tempi autorizzativi non sono congrui alla domanda di mercato.

 

Da qui bisognare porre l'attenzione e prendere, come dicevo, atti concreti .

Quali? Semplice : uno sportello unico virtuale. Una piattaforma su Web.

Io l'ho chiamato S.u.A.P.R. - Sportello Unico Aeromobili Pilotaggio Remoto.
 

Lo sportello avrebbe la funzione di poter inviare ogni documentazione anche attraverso un fac simile o un portale elettronico di gestione per la propria richiesta di autorizzazione di volo in Atz o in Aree Proibite . Non solo accentrare i documenti di richiesta autorizzazione (considerando anche le f.o.) ma anche una piattaforma operativa dove VERIFICARE lo stato di lavorazione pratica.

Uno sportello in cui siano garantiti tempi certi e inferiori ai 15 gg.
Questo è ciò che chiede il Mercato.

Con moduli elettronici standardizzati il personale Enac ed Enav avrebbe sicuramente documentazione meglio ordinata e più immediata alla lettura dagli operatori.
Conseguentemente, l'accertamento dei dati ricevuti sarebbe piu' semplice e meglio gestibile.

Migliorerebbero cosi i tempi di risposta agli operatori. E forse anche coloro che volano non autorizzati prendendo come scusa i tempi di richiesta troppo dilatati, calerebbero.

Ma come ho detto all'inizio ci vuole tanto coraggio e concretezza.

Nell'immediato potrebbe essere una proposta concreta, pensare ad un D-Flight piu' orientato alle autorizzazioni, anche se non è ancora presente il sistema u-space. 

Cio' consentirebbe anche ad Enav di potere "rodare" il sistema prima ancora dell'attivazione del sistema di riconoscimento Sapr.

Il Tempo è nemico ,  e non c'è piu tempo per attendere. La domanda di mercato c'è ma ad oggi le autorizzazioni sono troppo lente.

E ricordatevi: "Faccia chi può, prima che il tempo mute; chè tutte le lasciate son perdute".

Davide Savastano - Ceo Home Drone e Segretario Nazionale Fiapr

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

Monitoraggio Strutture Portico San Luca - Bologna - Monitoraggio con Droni

December 8, 2018

1/3
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio